TOYOTA COROLLA PUNTA AL MERCATO MULTICULTURALE

dicembre 2018

Metti le minoranze alla berlina, anzi nella berlina. Per la precisione nella Corolla, che piace tanto al pubblico multiculturale da spingere Toyota a lanciare campagne di comunicazione dedicate in occasione dell’uscita della dodicesima versione dell’auto.

“Dobbiamo essere più intelligenti riguardo ai nostri target”, ha detto a metà novembre Sam De La Garza, senior manager dello small-car marketing di Toyota, durante la presentazione della Corolla sedan 2020. “Stiamo sviluppando ads che si rivolgeranno ad Afroamericani, Ispanici, asiatici e quindi al resto del mercato. È eccitante ma anche sfidante. Dobbiamo cucire il nostro messaggio su misura per questi quattro pubblici diversi”.

La casa giapponese risponde anche così al calo di vendite della Corolla (-11% lo scorso ottobre) e in generale alla flessione del mercato dell’auto e alla migrazione degli acquirenti americani verso i modelli crossover. Un cambio di gusti che non sembra interessare le minoranze: “Non credo siano in ritardo nel trend, secondo me cercano qualità e valore, e una macchina della quale possono fidarsi”, aggiunge il manager.

Quelle differenze nei comportamenti d’acquisto, di fatto, diventano per Toyota un’opportunità “etnica” certificata dai numeri. Secondo un’indagine di mercato condotta da IHS Markit, la Corolla è all’undicesimo posto tra i modelli scelti dai consumatori americani considerati nel complesso. Se però si mettono a fuoco le scelte delle minoranze, eccola salire al settimo posto tra gli afroamericani, al sesto tra quelli di origine asiatica e addirittura al secondo posto tra i latinos. Marc Bland, vice president of diversity and inclusion di IHS Markit, commenta: “Toyota ha fatto un ottimo lavoro nel creare un’alta affinità per la corolla con l’industria in generale, ma la Corolla ha un posto davvero speciale nei cuori e nelle menti dei consumatori etnici”.

Mixità

 

 

< Tutti i post